Torino, gelataio multato: la replica della guardia di finanza

88
Foto LaPresse - Simone Spada 09 Febbrario 2017 Brescia (Bs) - Italia Cronaca Guardia di Finanza , operazione " Laguna 2 " Nella foto: un momento della conferenza stampa

Roma, 31 mag. (LaPresse) – La Guardia di Finanza replica al caso della gelateria Ciacci di corso Belgio, a Torino, che l’altro ieri si è vista elevare, secondo quanto riportato dai titolari, un verbale per 50 centesimi non battuti in uno scontrino per della panna omaggio.

Questa versione viene contestata dalle Fiamme Gialle perché, secondo quanto affermato in una nota lo scontrino fiscale mancava del tutto.

“Il personale della Guardia di Finanza, con le modalità di rito – si legge nel comunicato -, ha effettuato un controllo nei confronti di due clienti all’esterno della gelateria Ciacci per verificare la regolare emissione dello scontrino fiscale.

Gli stessi, confermando di aver consumato due gelati all’interno dell’esercizio per una spesa complessiva pari a 4,50 euro, non sono stati in grado di esibire il relativo scontrino fiscale”.

“Successivamente – prosegue la nota -, gli operanti hanno proseguito l’attività di controllo all’interno del locale, accertando, inequivocabilmente, la mancata emissione dello scontrino fiscale per euro 4,50 e non per soli euro 0,50 come asserito dall’esercente. Quest’ultimo, nel tentativo di giustificarsi rispetto alla mancata emissione, ha esibito uno scontrino di 4 euro, ricollegandolo alla vendita ai due clienti.

In realtà, lo scontrino di 4 euro mostrato risultava essere stato emesso in orario successivo al controllo da parte dei militari nell’esercizio commerciale (sullo scontrino infatti è riportata, tra l’altro, l’ora di emissione)”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome