Eni, progressi in Mozambico nella commercializzazione del Gnl

L'azienda italiana soddisfatta dei risultati ottenuti

Claudio Descalzi (Eni), ospite a In Mezz'Ora
Foto Roberto Monaldo / LaPresse

Milano (LaPresse) – Eni ed ExxonMobil hanno annunciato oggi che le negoziazioni relative alla commercializzazione del Gnl (gas naturale liquefatto) del Rovuma Lng project stanno compiendo progressi in Mozambico. Il Rovuma Lng project – segnala una nota – produrrà, liquefarà e venderà il gas naturale prodotto dai giacimenti offshore a gas dell’Area 4. “Abbiamo compiuto progressi significativi a livello di commercializzazione. E adesso stiamo portando avanti le negoziazioni su accordi di compravendita vincolanti per il Gnl del progetto Rovuma con alcune società affiliate dei partner dell’Area 4“, ha dichiarato Peter Clarke, president of ExxonMobil Gas and Power Marketing Company, in occasione della World Gas Conference di Washington. Lì infatti si sono incontrati i rappresentanti delle società componenti la joint venture relativa all’Area 4 (ExxonMobil, Eni, Cnodc, Enh, Kogas e Galp). “Questi impegni – ha proseguito – ci consentiranno di avanzare nel percorso verso la decisione finale di investimento. Che ci attendiamo di prendere nel 2019“.

L’azienda italiana soddisfatta dei risultati ottenuti

La fase iniziale del Rovuma Lng project implicherà lo sviluppo dei campi di Mamba, nell’Area 4. Contribuirà a fornire ai consumatori energia affidabile e conveniente. Ed a creare valore economico nel lungo termine per la popolazione mozambicana e per i partner dell’area. ExxonMobil Moçambique Limitada guiderà la costruzione e l’operatività dei treni di liquefazione e dei relativi impianti onshore per il Rovuma Lng project. Mentre Eni guiderà gli sviluppi e l’operatività legati all’upstream. In parallelo all’aspetto commerciale, i partner stanno anche progredendo nelle attività di financing e lavorando con il governo del Mozambico per l’approvazione del progetto.

Il punto di forza principale dell’Area 4 risiede proprio nella qualità della partnership“, ha commentato poi Massimo Mantovani, chief Gas and Lng Marketing and power officer di Eni. “Dopo la decisione finale di investimento relativa all’unità galleggiante di liquefazione di gas (Flng) di Coral South raggiunta nel 2017, stiamo lavorando insieme per sviluppare i campi a gas rimanenti. Alimenteranno i treni di liquefazione del progetto Rovuma Lng. Traendo quindi il massimo vantaggio dalla capacità ed esperienza di tutti i nostri partner”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome