Giro di prestanomi, indagato l’allenatore del Milan Gattuso

A Gattuso è stato contestato il presunto trasferimento fraudolento di valori

110
ESCLUSIVA MILAN Foto LaPresse - Spada 03 Marzo 2018 - Centro Sportivo Milanello , Varese (Italia) - A.C. Milan - stagione 2017-2018 - Conferenza Stampa Mister Gattuso - Sport Calcio Nella foto: Mister Gattuso EXCLUSIVE MILAN Photo LaPresse - Spada March 03, 2017 Varese (Italy) Sport Soccer A.C. Milan - season 2017-2018 - Press Conference Head Coach Gattuso In the pic: Head Coach Gattuso

TORINO – Guai per Rino Gattuso. Le grane che deve affrontare Ringhio, però, stavolta col pallone non hanno nulla a che fare. L’allenatore del Milan è indagato per trasferimento fraudolento di valori. Il suo nome è finito nell’inchiesta che ha portato all’arresto cautelare di Pasquale Motta.

L’imprenditore di 44 anni, secondo gli investigatori legato alla ‘ndrangheta, ha usufruito di vari prestanomi  per schermare società di sua proprietà. E in quella lista, sostiene la Procura, ci sarebbe pure l’ex mediano rossonero.

Le quote di Gattuso

Gattuso, stando a quanto accertato dagli inquirenti, aveva una quota (il 35 per cento) della Tre Olmi Srl di Gallarate: l’azienda, specializzata nella produzione di insaccati e salumi, però, sarebbe riconducibile proprio a Motta. E’ fallita nel 2014 e fino ad allora, nei suoi tre anni di vita, ha spiegato il curatore, non ha mai consegnato i bilanci.

L’indagine

L’inchiesta su Motta è stata realizzata dai carabinieri  del comando provinciale di Torino. L’attività investigativa prese il via dalla denuncia dei titolari di una società che, nel 2012, gestiva la ‘Casa del Sole’ di Favria. A detta dei proprietari, l’amministrazione comunale avrebbe curato quella struttura con poca trasparenza. E  sindaco e vicesindaco di allora avrebbero provato anche a scalzare la loro azienda per far spazio alla Eurocoop Service di Corato, società che per gli investigatori è collegata proprio a Motta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome