Castelvolturno (Caserta), minorenne ridotta in schiavitù e costretta a prostituirsi: due arresti

319
Foto Ufficio Stampa Carabinieri di o/LaPresse

CASTEL VOLTURNO – I carabinieri della Stazione di Grazzanise hanno eseguito il decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Dda, nei confronti di 2 cittadini nigeriani – un uomo ed una donna- gravemente indiziati del reato di riduzione in schiavitù in concorso, fatti commessi ai danni di una connazionale minore di 18 anni.

Le indagini hanno consentito di appurare che la vittima giunta in Italia dalla Nigeria, con violenza e minacce di morte, derivanti anche dalla previa sottoposizione a riti wodoo, veniva costretta ad esercitare la prostituzione a Napoli e a Castel Volturno.

Queste le persone tratte in arresto:

  1. OGWU IFEANY AMYAM, nato in Nigeria (cl’83);
  2. FALLUYI CHARITY, nata in Nigeria (cl’79).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome