La terra trema ancora. Scossa nella notte tra Campania e Molise

La magnitudo è 3 e non si sono registrati danni a persone o cose

2631

BENEVENTO – La terra continua a tremare. E lo fa ancora una volta in una porzione dello stivale considerata tra le più a rischio. Siamo infatti, come già accaduto nel recente passato, esattamente a metà tra la Campania e il Molise.

Il dettaglio, Pontelandolfo trema

La scossa è stata registrata dalla sala sismica dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e si è verificata alle 4.22 ad una profondità di 13 chilometri. L’epicentro, secondo le prime rilevazioni, è da ricercarsi nei pressi del Comune di Pontelandolfo, in provincia di Benevento. Nessun danno a persone o cose, naturalmente, in quando la potenza dell’evento non è stata tale da creare particolari disagi. Ma una considerazione. In una zona come si sa altamente sismica, storicamente interessata da terremoti di diverse (anche forti) intensità, la terra continua a tremare.

L’ennesimo fenomeno sulla scia del terremoto dell’agosto scorso in Molise

È dallo scorso agosto che l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia continua infatti a registrare fenomeni del genere. Da quando si verificò nella zona di Campobasso quel terremoto avvertito in quasi tutto il sud Italia, fino a Napoli e in Puglia. Non ci sarebbe da preoccuparsi, trattandosi di fenomeni ‘normali’ in una zona che morfologicamente è incline a situazioni simili.

Eppure un po’ di paura c’è. Come il clima, infatti, qualcosa sta cambiando sulla terra ferma e quanto rilevato recentemente ne è la dimostrazione. A questo si aggiunga la consapevolezza che un terremoto è imprevedibile e questo, nell’immaginario collettivo, lo rende più pericoloso rispetto ad altri fenomeni naturali. Una situazione da monitorare, dunque, sperando che l’intensità possa rimanere ‘bassa’ e che l’epicentro di possibili eventi futuri sia sempre ad una profondità tale da evitare tragiche conseguenze. Perché nessuno ha dimenticato Amatrice, Ischia, Norcia, L’Aquila, San Giuliano di Puglia e tanti altri. Eventi che hanno seminato morte, perché imprevedibili, improvvisi. Ma anche, purtroppo, per la mano dell’uomo, spesso più interessato ad un tornaconto economico che ad ogni altra cosa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome