Piano industriale Cdp 2019-2021: investimenti da 200 mld in 3 anni. Focus su imprese e sostenibilità

62
Foto Fabio Cimaglia / LaPresse in foto Fabrizio Palermo

Roma – Quasi un terzo di risorse in più rispetto allo scorso triennio e lo sviluppo sostenibile come bussola. La ‘nuova era’ di Cassa Depositi e prestiti inizia con un maxi piano industriale, che prevede 203 miliardi di euro per il periodo 2019-2021 a supporto di imprese, infrastrutture e territorio.

La società, controllata per l’83% dal Ministero dell’Economia, mobiliterà oltre 110 miliardi di euro di risorse proprie per la crescita economica e lo sviluppo sostenibile del Paese, attivando oltre 90 miliardi di fondi aggiuntivi da investitori privati e altre istituzioni territoriali, nazionali e sovranazionali.

Proprio il numero 1 di Via XX Settembre Giovanni Tria promuove il nuovo piano, perché può dare “un impulso veramente importante al rilancio dell’economia italiana. Cdp è chiamata ad avere un ruolo crescente nel rilancio dell’economia italiana, dobbiamo recuperare il 20% degli investimenti totali venuti a mancare negli anni della crisi”.

L’ad Fabrizio Palermo non nasconde la sua soddisfazione per quanto presentato

Il Piano industriale approvato “sancisce l’avvio di una nuova fase di Cassa depositi e prestiti che, con un impegno senza precedenti, assumerà nel prossimo triennio un ruolo di crescente proattività nel sostenere la crescita economica e lo sviluppo sostenibile”.

Vicinanza ai territori e tutela del risparmio postale come cardini

Il presidente Massimo Tononi avvisa tutti: non ci saranno sprechi di risorse per “investimenti in perdita, azzardati”, mentre sulle operazioni straordinarie frena: “Ce ne occuperemo se sarà il caso, ma la nostra attività è di altra natura“.

No a privatizzazioni

Il colosso Cdp, che vanta partecipazioni importanti in crocevia economici come Eni, Poste, Terna e Snam, al momento non sembra voler intervenire sul dossier privatizzazioni né sul fronte Alitalia, dove “non è ipotizzabile un investimento”.

Meglio pensare alla diversificazione delle fonti di raccolta, anche grazie ad un portafoglio già ampio, con 35 miliardi di partecipazioni e 50 milirdi di titoli in pancia.

L’evoluzione di Cdp passa attraverso la sostenibità, con l’emissione di social e green bond e il 32% di risorse attivate in più rispetto al 2016-2018.

Il suo futuro con la guida di Palermo passerà su quattro linee

83 miliardi per le imprese, 25 miliardi per infrastrutture, Pa e territorio, 3 miliardi per la cooperazione e infine le brandi partecipazioni strategiche.

Per l’azionista di maggioranza Tria il suo ruolo è “cruciale”, con il vicepremier Luigi Di Maio che rilancia: “Da oggi mettiamo a disposizione 200 miliardi in tre anni di investimenti pubblici per imprese, infrastrutture, territori e sviluppo“.

Le pmi attendono

Con gli investimenti di Cdp si può far ripartire il Pil nel 2019. Sarebbe una buona notizia anche per l’Europa che ci guarda con attenzione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome