Avvio in rosso per Piazza Affari. Giù anche le Borse europee

Piazza Affari si conferma in calo nella prima mezz'ora di scambi frenata da Buzzi, Saipem ed Eni. Borse europee ‘sospese’ tra il cauto passo indietro dell'Asia e lo scivolone di Wall Street

178

MILANO – Borse in calo. Avvio di seduta negativo per Piazza Affari con Ftse Mib -1% a 19.160 punti frenata da Buzzi (-3%) , Saipem (-2,55%) ed Eni (-1,44%), con il greggio fermo a 53,2 dollari. Segno meno anche per Leonardo (-1,53%), Unicredit (-1,4%) e Intesa (-1%), mentre lo spread tra Btp e Bund stabile a 286 punti. In luce Campari (+2%) dopo la raccomandazione d’acquisto di Deutsche Bank, più caute invece Diasorin (+0,6%), Fineco (+0,42%), Ubi Banca (+0,39%) e Banca Generali (+0,2%). Tra i titoli a minor capitalizzazione si segnala il balzo di Astaldi (+6,55%) mentre procede l’esame del dossier da parte di salini Impregilo (-0,28%). Nuovo scivolone di Carige (-5,26%), volatile per l’esiguità del prezzo (0,18 centesimi), Bim (-4,9%) e Zucchi (-3,45%).

Euro

L’euro è in calo a 1,1332 dollari e 128,12 yen in avvio degli scambi in Europa.

Borse europee

Cominciano tra il cauto passo indietro dell’Asia e lo scivolone di Wall Street – oggi chiusa per il funerale dell’ex-presidente George Bush senior – sulla scia delle incertezze per la trattativa tra Usa e Cina sui dazi. Dopo la tregua annunciata al G20 di Buenos Aires, infatti, il ministro cinese Xi Jinping ha spiegato che i negoziati seguiranno un calendario “ben preciso” e saranno operativi “sui temi condivisi”, troppo poco per rassicurare gli investitori.
Parigi e Francoforte (-1,4%) sono le peggiori, Londra (-1,3%) e Madrid (-1,2%) cedono poco meno, mentre Milano (-0,7%) è decisamente più cauta, pur con lo spread tra Btp e Bund in rialzo a 287 punti. Gli occhi sono puntanti sugli indici Markit della fiducia dei manager europei, mentre dagli Usa sono in arrivo i mutui settimanali e i verbali dell’ultimo comitato federale della Fed. Il maggior calo è segnato dai bancari inglesi Barclays (-3,15%) e Standard Chartered (-2,92%). Giù Sabadell (-2,2% a Madrid) e Credit Agricole (-2,18%).

Borse asiatiche

Listini Asiatici in calo, ma al riparo dallo scivolone di oltre il 3% di Wall Street, dopo le aperture del ministro del commercio cinese Xi Jinping, in visita in Portogallo, sui negoziati con gli Usa, che procederanno secondo un “calendario ben definito” e saranno “subito esecutivi sui temi condivisi”. Tokyo ha ceduto lo 0,53%, Taiwan l’1,65%, Seul lo 0,62% e Sidney lo 0,78%.

Oro nero

Il petrolio è in calo a 52,55 dollari per il barile Wti e a 61,27 dollari per il Brent.

Oro giallo

L’oro è in calo a 1.234,98 dollari l’oncia sui mercati asiatici cedendo lo 0,28%.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome