Pamela Anderson a Salvini: “Torna il fascismo”. Il ministro: “A Roma non ci sarà”

L'ex bagnina di Baywatch contro la politica del ministro dell'Interno

71
Pamela Anderson ((Photo by Bertrand GUAY / AFP)

Milano (LaPresse) – Altri tweet, altra polemica all’indirizzo del ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “L’Italia è un Paese meraviglioso, lo amo tanto, amo il cibo, la moda, la storia, l’arte. Ma sono molto preoccupata dalle tendenze che mi ricordano gli anni ’30”, è il ‘cinguettìo’ della bagnina più famosa del mondo, Pamela Anderson, sormontato dal titolo “Pensieri dall’Italia” con tanto di tricolore. Poco dopo è arrivata anche la replica social del titolare del Viminale. Con il solito riferimento alla manifestazione ‘Prima gli italiani’, organizzata dalla Lega, in piazza del Popolo, a Roma, per sabato 8 dicembre: “Pamela Anderson: ‘Salvini non è la soluzione, le tendenze attuali in Italia mi ricordano gli anni ’30’. Ahimè, con dolore, da affezionato spettatore e fan di ‘Baywatch’, lei questo sabato a Roma non ci sarà”.

L’ex bagnina di Baywatch appoggia i gilet gialli

“Detesto la violenza…ma cosa sono la violenza di tutte queste persone e le auto di lusso bruciate se paragonate alla violenza strutturale delle elite francesi e globali?”. Così su Twitter Pamela Anderson, la star canadese di Baywatch, si esprime sul movimento dei gilet gialli in Francia. L’attrice, che vive a Marsiglia con il calciatore Adil Rami, ha proseguito: “Anziché essere ipnotizzati dalle immagini degli incendi dobbiamo chiederci da dove vengono.

E la risposta è: vengono dalle tensioni crescenti fra l’elite metropolitana e i poveri delle zone rurali, fra la politica rappresentata da Macron e il 99% che è stufo di disuguaglianza, non solo in Francia, in tutto il mondo”. Infine l’attrice, militante di lunga data della causa animalista e spesso attiva a sostegno di migranti e rifugiati, twitta ancora: “La vera domanda è se la disobbedienza possa essere costruttiva. Cosa succede il giorno dopo? I progressisti in Francia e in tutto il mondo possono usare questa energia in modo che anziché la violenza abbiamo immagini di una costruzione di società eque ed egualitarie?”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome