Pd, Delrio: “Seguire Renzi se esce dal partito? No, morirò dem”

"Non basta la rimozione di una persona perché il centrosinistra ritorni vincente", ha dichiarato l'ex ministro

Graziano Delrio (Foto Roberto Monaldo / LaPresse)

ROMA (LaPresse)“Minniti farà la sua valutazione personale e la rispetteremo, come è stato quando ha deciso di dare la sua disponibilità per le primarie. È una scelta che dipende da lui. Ma Renzi ha chiesto di rimanere fuori dal congresso”. Così in un’intervista al Corriere della Sera Graziano Delrio del Pd.

Pd, Delrio non seguirà Renzi fuori dal partito

“Io sono testardo e guardo i fatti. A oggi non c’è stata nessuna dichiarazione di divisione del Pd. Lavoriamo tutti per l’unità e vogliamo che tutte le personalità del Pd, da Renzi a Gentiloni, da Zingaretti a Bonaccini a Martina, siano in una stessa comunità. Il nemico è fuori di noi, non dentro di no – ha aggiunto – Se Renzi uscirà dal Pd lo seguirò? Spero non accada. Ma io sono entrato in politica per costruire il Pd sull’onda dell’Ulivo e morirò orgogliosamente democratico”.

Trovare un accordo per rispondere alle esigenze dei cittadini

“Io penso che ci si unisce sulla base delle cose che si vogliono fare per la gente. Sono assolutamente contrario a semplificare, come se la crisi della sinistra dipendesse da una persona, cioè da Renzi. Questo non mi trova d’accordo, la crisi è a livello mondiale. Bisogna ritrovare la direzione giusta. Non basta la rimozione di una persona perché il centrosinistra ritorni vincente”, ha concluso l’ex ministro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome