Farmaceutica e cosmesi, settore in crescita di fatturato

In quattro anni +25%. Comar, oltre 110 mila addetti, successo grazie a ricerca e talenti. E' quanto emerge dalla seconda edizione dell'analisi dei bilanci 2014-2017 delle Società del settore, realizzato dal Centro Studi CoMar

124

MILANO – Crescono le società del settore farmaceutica e cosmesi che negli ultimi quattro anni, hanno visto crescere il loro fatturato del 25,3%, e nel 2018, per la prima volta, saranno più di 100 le aziende italiane con fatturato superiore ai 50 milioni di euro e i 50 miliardi di euro come fatturato aggregato.

La crescita del fatturato

E’ quanto emerge dalla seconda edizione dell’analisi dei bilanci 2014-2017 delle Società del settore, realizzato dal Centro Studi CoMar. In particolare nel 2017 il fatturato complessivo è stato di 49,7 miliardi di euro (+ 5%) rispetto al 2016; il margine operativo netto è stato di 4,6 miliardi di euro (-1,9%);

In crescita anche gli addetti al settore

Sono cresciuti dai 92.099 del 2014 ai 110.492 di fine 2017 (+6,7%), in aumento di 18.393 unità nei quattro anni; il fatturato per dipendente è stato di circa 450mila euro nel 2017, in aumento rispetto ai 447mila del 2016 e ai 430mila del 2014; i debiti finanziari, tra il 2016 e il 2017, si sono incrementati del 14,3% a 8,8 miliardi di euro.

Le cause del successo

I successi del settore, secondo lo studio sono principalmente frutto di forti investimenti in ricerca e sviluppo e innovazione di prodotto; nell’attrattività verso talenti e profili professionali qualificati; in una forte spinta all’export, che rappresenta oltre il 50% della produzione complessiva; nella capacità di inserirsi nelle filiere internazionali nella parte alta del valore aggiunto; dei costanti miglioramenti nei canali della distribuzione.

Basso rischio

Sul piano della rischiosità commerciale, il 44.9% delle imprese presenta rischiosità bassa e medio-bassa, mentre solamente il 12.7% ha una rischiosità alta, mentre i mercati di destinazione relativi all’Industria Cosmetica sono il Commercio all’Ingrosso, al Dettaglio e i servizi alla persona (barbieri, parrucchieri e istituti di bellezza) per un totale di circa 150.000 imprese. La maggior parte di queste sono microimprese, tranne nel caso del Commercio all’Ingrosso.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome