Australia, status di rifugiata per una 18enne saudita in fuga dalla famiglia

Rahaf Mohammed al-Qunun, la 18enne saudita fuggita dalla sua famiglia per cercare rifugio in Australia, ha diritto allo status di rifiugiata

85
AP Photo/Wason Wanichakorn

BANGKOK (Thailandia) (LaPresse/AFP) – Australia, status di rifugiata per una 18enne saudita in fuga dalla famiglia. Rahaf Mohammed al-Qunun, la 18enne saudita fuggita dalla sua famiglia per cercare rifugio in Australia, ha diritto allo status di rifiugiata. Lo ha confermato l’Unhcr, che ha chiesto a Camberra di accoglierla. La ragazza era stata fermata dalle autorità dell’aeroporto di Bangkok, in Thailandia. Dove era atterrata con un volo proveniente dal Kuwait, dopo essere fuggita dalla famiglia.

Inizialmente, la Thailandia ha reso noto che l’avrebbe messa su un volo di ritorno verso casa, su richiesta dei funzionari dell’ambasciata saudita. Ma la giovane, armata di telefono, si è barricata in una stanza d’albergo e ha diffuso su Twitter il suo appello per chiedere che non la deportassero, spiegando di temere per la sua vita. La sua denuncia ha dato il via a una campagna internazionale, che ha provocato una brusca inversione di marcia da parte dei funzionari di Bangkok.

Australia, i disperati tweet di Qunun sono rimbalzati sui social network

I disperati tweet di Qunun sono rimbalzati sui social network con l’hashtag #SaveRahaf che ha generato un’ondata di sostegno, ma anche la rabbia di molti nel suo paese natale. Phil Robertson di Human Rights Watch ha avvertito che Qunun, che ha rinunciato all’Islam, è a “grave rischio” di persecuzione in Arabia Saudita. Suo padre e suo fratello sono arrivati a Bangkok martedì, ma Qunun ha rifiutato di vederli, ha spiegato il capo della polizia thailandese. La giovane ha raccontato che la sua famiglia la sottoponeva ad abusi, e una volta l’ha rinchiusa in una stanza per sei mesi solo essersi tagliata i capelli.

Qunun è ora affidata all’Unhcr, l’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite, che sta studiando il suo caso. “L’Unhcr ha indirizzato la signora Rahaf Mohammed Al-Qunun in Australia perché sia presa in considerazione per il reinsediamento come rifugiata”, ha confermato il Dipartimento per gli affari interni dell’Australia, spiegando che prenderà in considerazione la candidatura come fa sempre in questi casi. Ma funzionari australiani hanno lasciato intendere che la richiesta di Qunun dovrebbe essere accettata. “Se sarà giudicata idonea allo status di rifugiata, prenderemo in considerazione molto, molto seriamente un visto umanitario”, aveva detto il ministro della Salute, Greg Hunt, prima che la decisione delle Nazioni Unite fosse resa pubblica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome