Israele, condannato a 11 anni un ex ministro accusato di spionaggio per Iran

Un ex-ministro israeliano, Gonen Segev, accusato di spionaggio per l'Iran, ha raggiunto un patteggiamento

120
jet israeliani bombardano la Siria
jet israeliani bombardano la Siria

Gerusalemme – Un ex-ministro israeliano, Gonen Segev, accusato di spionaggio per l’Iran, ha raggiunto un patteggiamento con i pubblici ministeri che lo vedrà scontare 11 anni di prigione. Lo ha comunicato il ministero della Giustizia israeliano. Specificando che come parte dell’accordo Sogev, ministro dell’Energia e Infrastrutture dal 1995 al 1996, si dichiarerà colpevole di spionaggio e di avere trasferito informazioni al nemico.

Ad inizio gennaio è stato arrestato in Russia un cittadino Usa per spionaggio

La magistratura russa ha accusato di “spionaggio” il cittadino statunitense Paul Whelan, arrestato a Mosca la scorsa settimana. Lo ha dichiarato il suo avvocato. “Il tribunale ha ordinato la detenzione preventiva”, ha detto l’avvocato Vladimir Jerebenkov, citato dall’agenzia Ria Novosti. Aggiungendo che ha impugnato questa decisione chiedendo il suo rilascio su cauzione.

Mosca ha dichiarato infatti che i suoi servizi di sicurezza hanno fermato un cittadino statunitense accusato di spionaggio. Nell’ultimo di una serie di casi legati ad attività e accuse di spionaggio tra la Russia e i Paesi occidentali. L’agenzia di sicurezza interna Fsb ha detto che i militari russi hanno fermato l’americano di venerdì. Mentre era intento in un’azione di spionaggio. Hanno aperto un’indagine secondo l’articolo 276 del codice penale russo. Che prevede condanne sino a 20 anni di carcere. L’americano è stato identificato in russo, con un nome che sembra traducibile come Paul Whelan.

(LaPresse/AFP)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome