Roma, usura: arrestato un 59enne nel quartiere della Magliana

Il provvedimento cautelare è stato emesso su richiesta della Procura della Repubblica di Roma

77

Roma – I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Eur, a conclusione di un’attività d’indagine, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma nei confronti di un romano 59enne. E’ ritenuto responsabile del reato di usura nel quartiere della Magliana. Il provvedimento cautelare è stato emesso su richiesta della Procura della Repubblica di Roma. Al termine di una complessa attività d’indagine diretta da Pubblico Ministero del pool della Procura, coordinato da Lucia Lotti che tratta, tra l’altro, usura ed estorsioni.

Le indagini sono partite quindi dalla denuncia di un imprenditore romano. Che, dal mese di novembre del 2017, in preda a difficoltà economiche, si era rivolto all’indagato contraendo un iniziale debito di 9.000 euro.

Nel corso dell’anno, il denunciante si è trovato a dover restituire, a causa degli interessi richiesti, più di 50.000 euro. Vista la situazione, l’uomo ha deciso di denunciare i fatti alle forze dell’ordine.

Le indagini, condotte con metodi tradizionali di osservazione, intercettazioni telefoniche e ambientali, hanno consentito, in soli due mesi, di scoprire una fiorente attività usuraria. Condotta dell’indagato in modo organizzato e continuativo. Non solo nei confronti del denunciante ma anche di altri otto commercianti dei quartieri dell’area sud della Capitale, anche alla Magliana, con un giro d’affari di circa 80.000 euro.

Alle persone offese che, pressate dalle difficoltà economiche, si trovano costrette a rivolgersi all’usuraio, hanno richiesto la restituzione dei prestiti. Mediante rate settimanali gravate da interessi abnormi, ben oltre la soglia di legge.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome