Usa, presidenziali 2020: l’ex ministro di Obama si candida tra i Dem

Feroce critico di Donald Trump, ha detto che probabilmente oggi non potrebbe trovarsi negli Stati Uniti se l'attuale politica migratoria fosse stata in vigore

80
(Photo by Nicholas KAMM / AFP)

SAN ANTONIO – Ex ministro di Barack Obama, ex sindaco di San Antonio in Texas, Julian Castro annuncerà oggi la sua candidatura democratica per la corsa alla presidenza Usa del 2020. Castro, 44 anni, aspira a diventare il primo presidente ispanico degli Stati Uniti. Sarà il democratico più in vista a fare il suo ingresso ufficiale nella corsa per le presidenziali 2020, a cui dovrebbero partecipare diversi candidati per affrontare Donald Trump.

La corsa di Julian Castro, ex ministro del governo Obama

Al momento pare che Julian Castro sarebbe un outsider, dal momento che alla corsa dovrebbero partecipare alla corsa diversi pesi massimi del campo Dem. Come l’ex vice presidente Joe Biden, la senatrice Elizabeth Warren, Bernie Sanders, Kamala Harris, e forse anche il miliardario Michael Bloomberg. La deputata democratica delle Hawaii Tulsi Gabbard, 37 anni, ha annunciato venerdì che anche lei sarà in lizza.

L’ex sindaco di San Antonio nelle fila dei Dem

Noto per il suo talento di oratore, il telegenico Julian Castro è stato ministro per la Casa e lo Sviluppo urbano sotto Barack Obama. Nonché sindaco di San Antonio, la settima città più grande degli Stati Uniti. Diventerà il terzo candidato latino di peso alle presidenziali in quattro anni. Dopo i senatori repubblicani Ted Cruz e Marco Rubio che avevano corso contro Donald Trump per la nomination Gop per le presidenziali del 2016.

La sua candidatura potrebbe ridare nuova linfa ai democratici

Una candidatura di Castro potrebbe ravvivare l’entusiasmo per i democratici fra gli elettori ispanici, che hanno sostenuto Hillary Clinton ma in misura inferiore rispetto all’appoggio che avevano dato a Barack Obama. Trump ha fatto dell’immigrazione uno dei suoi temi caldi. Una parte delle amministrazioni federali è in shutdown perché il presidente esige 5,7 miliardi di dollari per costruire un muro alla frontiera con il Messico.

Il guanto di sfida lanciato al presidente Trump

Julian Castro si è guadagnato una fama nazionale nel 2012. Quando è diventato il primo ispanico a tenere un discorso alla convention dei democratici. quattro anni più tardi, nel 2016, faceva parte dei finalisti per la corsa alla vice presidenza a fianco di Hillary Clinton.

Feroce critico di Donald Trump, ha detto che probabilmente oggi non potrebbe trovarsi negli Stati Uniti se l’attuale politica migratoria fosse stata in vigore quando sua nonna, allora piccola, attraversò la frontiera con il Messico nel 1922. Nel suo discorso alla convention democratica, Julian Castro aveva posto l’accento sulla sua “avventura improbabile”. Raccontando anche del fratello gemello Joaquin, che è membro della Camera dei rappresentanti.

(Lapresse/AFP)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome