Papa Francesco, è inutile scagliare la prima pietra, perché siamo tutti peccatori

Foto LaPresse - Stefano Costantino in foto Papa Francesco

CITTA’ DEL VATICANO – Bisogna “prendere coscienza che siamo peccatori“, e “lasciar cadere dalle nostre mani le pietre della denigrazione e della condanna che a volte vorremmo scagliare contro gli altri“. Papa Francesco, nella quinta domenica di quaresima, cita l’episodio evangelico della donna adultera, con il celeberrimo invito di Gesù: “Chi è senza peccato, scagli la prima pietra“.

Le pietre, per Francesco, sono quelle che tanti tra noi vorrebbero lanciare contro altri, senza rendersi conto che siamo proprio noi i primi ad aver qualcosa da rimproverarci. Il pontefice ricorda che, dopo aver trovato una donna colta in adulterio, scribi e Farisei domandarono a Gesù quale fosse il suo parere sulla condanna alla lapidazione.

L’apostolo Giovanni racconta che gli interlocutori di Cristo posero il quesito “per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo“. Insomma, si può supporre che il loro proposito fosse questo: il No alla lapidazione sarebbe stato un motivo per accusare Gesù di disobbedienza alla Legge; il Sì, invece, per denunciarlo all’autorità romana, che aveva riservato a sé le sentenze e non ammetteva il linciaggio popolare.

Scribi e farisei, per il pontefice, sono “chiusi nelle strettoie del legalismo”, ma Gesù reagisce con l’invito a scagliare la prima pietra, che poi altro non è che un appello alla conscienza di quegli uomini che si sentivano “paladini della giustizia”, ma poi, uno dopo l’altro sene andarono senza lapidare la donna.

Francesco spiega che Gesù è l’unico senza colpa, “l’unico che potrebbe scagliare la pietra contro di lei, manon lo fa, perché Dio non vuole la morta del peccatore, ma che si converta e viva. Non a caso, congeda la donna con queste parole: “Va’ e d’ora in poi non peccare più“.

E rispondendo ad una domanda di un educatore alla Parrocchia romana di San Giulio a Monteverde, il pontefice svela: “Io ho avuto tanti dubbi nella mia vita. Come sono uscito? Non sono uscito da solo, serve la compagnia di qualcuno che ti aiuti ad andare avanti“.
(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome