Tv, Pulcinella Awards: tra i vincitori 3 co-produzioni Rai

Otto le categorie dei premi. A dominare è la Francia, che colleziona tre successi

CRISTIANO LARUFFA / LAPRESSE

TORINO – Giovani eroi, animali fantastici, bambini ‘difficili’, ma anche storie forti e una riflessione sulla tecnologia. Sono tra i temi premiati con i ‘Pulcinella Awards’ al festival ‘Cartoons on the Bay’ di Torino.

“Quello dell’animazione – ha sottolineato Marcello Foa, presidente della Rai, alla cerimonia di premiazione – è un settore che forse nella cultura classica è un po’ sottovalutato, ma in realtà ha una vitalità incredibile e una capacità di stare al passo con il cambiamento tecnologico che non tutti gli altri hanno. Merita quindi tutte le attenzioni. Siamo a livelli di tecnologia, scenografia e montaggi veramente incredibili”.

Pulcinella Awards, le 8 categorie

Otto le categorie dei premi Pulcinella: ‘Best pre school tv series’, ‘Best kids tv series’, ‘Best upper preschool tv sries, ‘Best interactive animation’, ‘Best live action/hybrid tv series’, ‘Best tv pilot’, ‘Best short film’ e ‘Best animated feature film’. A dominare è la Francia, che colleziona tre successi, due dei quali per programmi realizzati in collaborazione con Rai Ragazzi.

La Francia fa incetta di premi

Nella sezione ‘upper preschool’ vincono le avventure di quattro dinosauri nel Cretaceo, raccontate in ‘Gigantosaurus’ da Olivier Lelardoux, in collaborazione con Rai Ragazzi. Nelle ‘tv series kids’ si impone ‘Arthur and the children of the round table’ di Jean-Luc Francois, anche in questo caso insieme a Rai Ragazzi, che sviluppa la storia di un giovane Artù realizzando una nuova versione della saga. La storia di fantascienza ‘Detroit: become human’, una riflessione su tecnologia e robotica prodotta da Quantic Dream, trionfa nella categoria ‘interactive media’.

Premiate 3 coproduzioni targate Rai

Largo all’Italia nella fascia ‘live action’ con ‘Jams’, di Alessandro Celli, che vede la produzione di Rai Ragazzi-Stand by me: “Una serie per ragazzi unica – si legge nelle motivazioni della giuria – che emerge per la sua modernità e per il suo realismo, su un tema delicato come le molestie sessuali, con un linguaggio appropriato per il giovane pubblico”.

Trionfa la serie belga, il Giappone vince nella sezione animazione

Successo nella sezione ‘tv pilots’ per la serie belga ‘Horrible tales for terrible children’, che ha come tema favole inconsuete e cattive. Nella categoria ‘pre school’ spiccano le avventure dell’uccellino Becca e dei suoi amici in ‘Becca’s bunch’, mentre è una volpe la protagonista di ‘The fox’, lavoro iraniano firmato da Sadegh Javadi che vince tra gli ‘short film’. Chiude il podio il Giappone nella sezione ‘animated feature film’ con ‘Mirai’ di Mamoru Hosoda, che ha come protagonista un bambino viziato.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome