Draghi ammonisce: “Per l’Italia la priorità deve essere la crescita”

Il presidente della Bce: "Le priorità dell'Italia restano la spinta all'occupazione e la crescita". Tria lancia l'allarme: "Abbiamo bisogno di una riforma del sistema fiscale soprattutto per allentare il peso sulle famiglie del ceto medio"

BRUXELLES“Le priorità dell’Italia restano la spinta all’occupazione e la crescita. Al governo italiano è stato detto cosa deve fare”. E’ questo il messaggio del Presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, a chi gli ha chiesto se ritenesse, così come il Fondo monetario internazionale, che l’Italia fosse un rischio per l’area Euro e se le politiche portate avanti fossero quelle adatte.

Rischi area Euro al ribasso

Secondo Draghi, “la Brexit, il protezionismo e le incertezze politiche sono elementi di rischio per l’economia. Ma l’economia di Eurolandia si è mostrata ‘resistente’ e, nel complesso, il settore finanziario non mostra segnali di stress. I rischi delle prospettive dell’area Euro sono al ribasso”.

Tria lancia un messaggio a Lega e M5S: in Italia urge una riforma fiscale

“Abbiamo bisogno di una riforma del sistema fiscale soprattutto per allentare il peso sulle famiglie del ceto medio”. così il ministro dell’Economia Giovanni Tria intervenendo a margine della riunione dell’Fmi spiegando ai presenti il senso della flat tax e del reddito di cittadinanza. “Certo – ha continuato, lanciando anche un messaggio a Lega e M5S – non bisogna perdere di vista la stabilità finanziaria, bisogna trovare un bilanciamento. Vediamo quale sarà la risposta economica di queste misure, teniamo tutto sotto stretto monitoraggio”.

Visco: problema di crescita

“C’è un problema di crescita della produttività in Italia”, ha detto anche il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, secondo il quale “è tempo di una riforma fiscale complessiva dopo 40 anni: serve un approccio”.

Salvini: subito Flat Tax

Ma nel governo sembrano esserci tanti che non vogliono ascoltare i messaggi lanciati da Draghi e Tria. Il vicepremier Matteo Salvini insiste, continuando una sorta di campagna elettorale: “Abbassare le tasse e semplificare la vita agli italiani non è un capriccio della Lega, ma un’emergenza per famiglie e imprese, un dovere previsto nel contratto di governo. Se qualcuno rallenta la Flat Tax non danneggia Salvini o la Lega, ma danneggia il governo e l’Italia intera. Fiat Tax subito, già da quest’anno, gli italiani ci chiedono coraggio”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome