Def: Istat, stima +0,2% Pil che appare verosimile

Alla luce di queste evidenze la stima della crescita del Pil del quadro programmatico per il 2019 (+0,2%) appare verosimile. Così l'Istat in audizione sul Def.

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 06-03-2019 Roma Politica Camera dei Deputati - Question time Nella foto Giovanni Tria, Luigi Di Maio Photo Roberto Monaldo / LaPresse 06-03-2019 Rome (Italy) Chamber of Deputies - Question time In the pic Giovanni Tria, Luigi Di Maio

ROMA – Pil in crescita con stima al +2% appare verosimile. Seppure in un quadro caratterizzato da notevoli incertezze, il recupero dell’attività industriale di inizio anno influenza in misura rilevante il quadro macro del primo trimestre, per il quale è verosimile un miglioramento dei livelli complessivi dell’attività economica rispetto a quelli di fine 2018, con effetti positivi anche sulla performance economica media annua del 2019.

Più investimenti e crescita

Pil in crescita al 2%, la stima verosimile, dunque, secondo l’Istat in audizione sul Def. “Rispetto alla necessità di rilanciare gli investimenti la revisione della mini-Ires, il ripristino del superammortamento e l’aumento della deducibilità Imu contenuti nel decreto crescita sono attesi generare una riduzione del prelievo fiscale per le imprese pari a 2,2 punti percentuali”

Ires

“La riduzione Ires risulta maggiore per l’industria, soprattutto nei settori a medio-bassa intensità tecnologica (-2,9%), per le imprese di medie dimensioni e le multinazionali.

Debito delle amministrazioni pubbliche al rialzo

Rispetto ai dati diffusi lo scorso 15 marzo, di 0,8 miliardi nel 2016, 5,5 miliardi nel 2017 e 5,3 miliardi nel 2018 il debito delle amministrazioni pubbliche è stato rivisto al rialzo. Lo si legge nel Bollettino di Bankitalia su fabbisogno e debito.

Le revisioni riflettono principalmente l’ampliamento del perimetro delle Amministrazioni pubbliche definito dall’Istat in accordo con l’Eurostat.

Le revisioni del fabbisogno sono di entità limitata.

Amministrazioni pubbliche debito al 132,2% del Pil.

A gennaio 2019 era salito a 2.363,49 mld. A febbraio il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di circa 200 milioni rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.363,68 miliardi e toccando comunque un nuovo record. E’ quanto emerge dal bollettino di Bankitalia su Finanza pubblica, fabbisogno e debito.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome