Carige, Maccarone: “Si va verso la conversione integrale dei bond”

"Siamo una struttura che fa interventi per eliminare problemi alle banche e questo è il nostro intento", dichiara il numero uno di Fidt

Foto Gian Mattia D'Alberto/LaPresse Carige Bank

MILANO – Una conversione del bond subordinato di Banca Carige? “La conversione del bond in equity è molto verosimile, perché le esigenze sono aumentate rispetto ai 400 milioni che c’erano all’epoca, quando noi abbiamo sottoscritto”. Lo ha detto il presidente del Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd), Salvatore Maccarone, rispondendo ai cronisti dopo il Cda del Fitd riunitosi oggi.

La conversione dei bond

“D’altra parte anche in quel piano era prevista la conversione dei bond in titoli, quindi si tratta di un evento verosimile. L’operazione si sta costruendo e non ci sono dei tempi”, ha spiegato Maccarone.

Gli obiettivi per la gestione di banca Carige

Alla domanda se l’obiettivo sia restare sotto il 50% il numero uno di Fitd ha risposto: “L’obiettivo è quello di rimanere sotto il 50% ma noi non sappiamo quanto sarà l’aumento di capitale e chi lo sottoscriverà. E non sappiamo nemmeno se sarà votato. Ma comunque noi non siamo interessati a gestire, non siamo gestori, ma siamo investitori. Siamo una struttura che fa interventi per eliminare problemi alle banche e questo è il nostro intento”.

Il piano di salvataggio dell’istituto bancario

“Comunque salire sopra il 50% non è un vero problema, perché non significa necessariamente il controllo: ci sono una serie di meccanismo per neutralizzare gli effetti. Il nostro statuto parla di controllo e non di maggioranza”, aggiunge Maccaroni.

Interpellato dai cronisti sul fatto se la conversione integrale sia una ipotesi concreta nel progetto di salvataggio di Carige, dice: “E’ un’ipotesi concreta ed è un’ipotesi che io ritengo verosimile. Molto dipende dagli altri compagni di viaggio. Le banche – conclude – hanno fatto quello che hanno ritenuto responsabilmente di fare, ma questa è un’operazione di salvataggio, non è stata fatta con letizia e gioia”.

(AWE/LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome