Fallimento Mercatone Uno, i sindacati: “Il Ministero di Di Maio doveva vigilare e non l’ha fatto”

La Shernon holding, azienda che gestisce il marchio Mercatone Uno, è stata dichiarata fallita, senza nessuna comunicazione formale inviata ai dipendenti. La denuncia arriva dalla Filcams Cgil di Reggio Emilia che segue le vicende dei lavoratori dello stabilimento di Rubiera. Domani tavolo per salvaguardare i posti di lavoro

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse

ROMA – Fallimento Mercatone Uno: domani tavolo per salvaguardare i posti di lavoro. Il ministero dello Sviluppo economico e il ministro Luigi Di Maio “prendono atto con estrema preoccupazione del fallimento dichiarato dal Tribunale di Milano della Shernon Holding Srl, società di proprietà al 100% della maltese Star Alliance Limited, e della successiva chiusura dei punti vendita in tutta Italia”. È quanto si legge in una nota del Mise.

Tavolo anticipato

“È già stato convocato un tavolo il 30 maggio e sarà anticipato a lunedì 27. È prioritario salvaguardare i livelli occupazionali e gli asset e verificare le responsabilità della proprietà – designata il 18 maggio 2018 prima dell’insediamento del governo – in merito alla gestione di questi ultimi – continua il comunicato –. La priorità assoluta del ministro Luigi Di Maio e del Mise sono i circa 1.800 lavoratori coinvolti, a cui oggi è stata calpestata la dignità. Vista la delicatezza della questione si attendono tutti i rilievi del tribunale per capire puntualmente come dare risposte immediate”.

Fallimento annunciato

In crisi da cinque anni, la Shernon Holding aveva presentato domanda di concordato in bianco per riuscire a ricapitalizzare l’azienda. La scadenza era prevista il 30 maggio, data in cui era previsto anche un tavolo al ministero, ma il fallimento è stato dichiarato il 23 maggio dal Tribunale di Milano. Il sindacato si rivolge quindi al governo: “Il ministero del Lavoro e il Mise che dovevano vigilare dove sono?”.

Salvini: impegno personale

Il primo a intervenire sulla vicenda è stato il ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Mi impegnerò personalmente incontrando sindacati, lavoratori, fornitori e proprietà, non si possono lasciare dipendenti a casa senza rispettare gli impegni presi”.  Mercatone Uno ha un totale di 48 filiali e 1860 dipendenti, che sono stati avvisati nel cuore della notte dopo un messaggio ricevuto dai direttori dei negozi che sabato non ci sarebbe stata nessuna apertura a causa del fallimento della Shernon Holding, che aveva rilevato il marchio della catena di grande distribuzione.

Il commento

“Questo è il Paese – affermano in una nota congiunta il segretario generale della Cgil Puglia, Pino Gesmundo, e la segretaria generale della Filcams Cgil Puglia, Barbara Negliain cui si può scoprire di aver perso il lavoro e che la propria azienda è fallita con un messaggio ricevuto all’una meno un quarto di notte. Il tutto a pochi mesi dal passaggio di consegne del marchio. Ci chiediamo chi e come ha vigilato su questa operazione nelle stanze del Mise e nell’amministrazione straordinaria che ha gestito la crisi precedente”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome