Sudan, Comitato medici: 60 morti in un blitz di militari contro un sit-in

Lo ha riferito oggi il comitato centrale dei medici sudanesi che hanno fornito un ultimo bilancio degli scontri

Guerra in Sudan (Photo by ASHRAF SHAZLY / AFP)

KHARTUM – Sessanta persone sono morte nel blitz condotto lunedì scorso, per ordine del Consiglio militare, dalle forze di sicurezza contro il sit-in davanti al quartiere generale dell’esercito di Khartum. Lo ha riferito oggi il comitato centrale dei medici sudanesi che hanno fornito un ultimo bilancio degli scontri. L’operazione di repressione del raduno di migliaia di manifestanti, che da settimane richiedevano il trasferimento del potere ai civili, è stata fortemente condannata all’estero. In particolare dalle Nazioni Unite, dagli Stati Uniti e dal Regno Unito.

Più di 35 manifestanti sono stati uccisi e centinaia sono stati feriti quando i militari al potere hanno cercato di disperdere la folla. Riunita in un sit-in fuori dal quartier generale dell’esercito a Khartum, in Sudan. Lo ha riferito un comitato di medici vicino ai manifestanti. “Il numero di persone uccise dal Consiglio militare di fronte al quartier generale è aumentato a più di 35, centinaia sono i feriti”. Ha dichiarato il Comitato centrale dei medici sudanesi in un comunicato pubblicato durante la notte.

(LaPresse/AFP)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome