Il mondo dell’arte piange Ilaria Occhini: aveva 85 anni

Era nata a Firenze il 28 marzo del 1934. Ha lavorato con i più grandi registi di cinema, teatro e tv Visconti, a Ronconi, a Patroni Griffi

©Nick Zonna/Lapresse 16-08-2008 Locarno, Italia Spettacolo Film Festival di Locarno 2008 Premiazioni: assegnazioni dei Pardi. Nella foto: Ilaria Occhini MIGLIORE INTERPRETE FEMMINILE per il film MARE NERO *** Local Caption *** .

ROMA – E’ morta Ilaria Occhini Se n’è andata in punta di piedi, senza clamori ieri pomeriggio. Una vita spesa tra teatro, cinema e tivù, recitando con i migliori registi come Visconti, a Ronconi, a Patroni Griffi.

E’ stata sempre una donna molto attraente, anche con il passare degli anni  non aveva perso l’intensità di donna di classe.

Era nata a Firenze il 28 marzo 1934 ed era figlia dello scrittore Berna Occhini e per parte paterna del senatore del Regno d’Italia Pier Ludovico. Oltre che nipote da parte di madre dello scrittore Giovanni era sposata con Raffaele La Capria.

L’autobiografia

“La mia bellezza è come se fosse una cosa, una borsetta, un foulard che porto con me, non ne parlo con nessun vanto – ha scritto l’attrice nella sua ‘autobiografia – una vita senza trucco, con cui festeggiava i 60 anni di carriera. Non mi abituerò mai a pronunciare la prima battuta. Cerco di modulare, ritmare, impostare. Ma ogni volta è morire”.

I riconoscimenti

Ha vinto il David di Donatello con M’ine Vaganti’ di Ozpetek nel 2008 nonché il Nastro d’argento con  ‘Benvenuti in casa Gori’, datato 1992.

La carriera

La Occhini, esordisce a soli 19 anni nel cinema con ‘Terza Liceo’, film di Luciano Emmer, sotto lo pseudonimo di Isabella Redi. Studia presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica ‘Silvio D’Amico’ di a Roma e nel 1957 debutta in teatro con Luchino Visconti. In tivù ha legato il suo nome a sceneggiati  come L’Alfiere e Jane Eyre, mentre nel 2005 si cimenta nella fiction  Rai ‘Provaci ancora prof!’

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome