Pupi Avati: “Sognavo di buttare Lucio Dalla giù dalla Sagrada Familia”

Su Carlo Delle Piane: "Al suo funerale nessun collega, c'eravamo solo io e mio fratello"

Guarda il video su Instagram e iscriviti al nostro canale cliccando su “Segui”

Ha avuto inizio mercoledì scorso alla Reggia di Caserta il ciclo di incontri realizzato dall’Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli” in collaborazione con Cineventi, sotto la direzione artistica di Remigio Truocchio. La Cappella Palatina si è riconfermata sede della rassegna che ha visto come primo ospite il regista Pupi Avanti, da poco vincitore del Premio “Piero Chiara” alla Carriera. “E’ un luogo splendido, finalmente rivalorizzato – così il regista ha definito Palazzo Reale – Io venni qua quando c’erano le erbacce da tutte le parti, i miei bambini erano piccoli e io frequentavo queste zone perché mia moglie è di Salerno.

Guarda l’intervista su Youtube e iscriviti al nostro canale cliccando su “Iscriviti”

Il ricordo di Lucio Dalla

Mi ricordo che era lasciata in uno stato di abbandono per anni e anni”. Durante la serata, condotta dal giornalista e regista Fabrizio Corallo, Pupi Avati ha ripercorso la sua carriera, in particolare il suo passaggio dalla musica al cinema. E’ grazie alla musica che conosce Lucio Dalla, un incontro/scontro che decreterà la fine della sua carriera musicale. Il regista, infatti, ha dichiarato: “Uno dei miei sogni ricorrenti, durante quel periodo, era quello di buttare giù Lucio dalla Sagrada Familia”. Colpito, in seguito, dal film ‘8 e mezzo’ di Federico Fellini decide di abbandonare il suo lavoro di rappresentante di surgelati per dedicarsi completamente al cinema.

Pupi Avati: "Il film che mi rappresenta di più? Storia di ragazzi e ragazze"

Il regista Pupi Avati in visita alla Reggia di Caserta: "Monumento meraviglioso. Lo visitavo con i miei figli piccoli, era piena di erbacce. Dopo vent'anni è stata finalmente recuperata".Il servizio di Gabriella Caradonna e Francesco Pisanti per Cronachedi.it. #reggiadicaserta @reggiadicaserta #pupiavati #cinemaitaliano #cultura

Publiée par Cronachedi sur Samedi 2 novembre 2019
Guarda la videointervista su Facebook e iscriviti alla nostra pagina cliccando su “Mi piace”

La morte di Carlo Delle Piane

Non sono mancati altri aneddoti legati ad amici e colleghi del cinema, alcuni dei quali scomparsi di recente, come Carlo Delle Piane: “Al suo funerale – ha dichiara Avati – del mondo del cinema eravamo presenti solo io e mio fratello. La sua morte è avvenuta nel silenzio più totale”. Al termine dell’evento il regista ha dispensato consigli ai giovani studenti della Vanvitelli, lì presenti: “La passione e la caparbietà sono molto importanti, ma è necessario che ci sia anche il talento. So che nel momento storico in cui ci troviamo oggi è molto difficile trovare un lavoro, ma bisogna sempre mettersi in discussione e sforzarsi di affermare se stessi attraverso le proprie azioni”.

di Gabriella Caradonna

Guarda la videointervista su Twitter e seguici visitando il nostro profilo e cliccando su “Segui”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome