Ancora maltempo, il centronord sotto scacco di acqua e neve. Torna l’acqua alta a Venezia

In Alto Adige in queste ore si stanno verificando intense nevicate. Le autorità locali costrette a chiudere molte strade: attualmente isolate Trafoi, Val Martello da Ganda, la Val Senales da Certosa, Val Ridanna da Stanghe e Val Casies da Tesido. Così come è rimasta bloccata la statale della Pusteria tra Versciaco e Prato alla Drava e l'Alemagna tra Dobbiaco e Cima Banche

foto LaPresse-Anteo Marinoni

MILANO – Ancora maltempo, il centronord sotto scacco di acqua e neve. E a Venezia ritorna l’acqua alta e con essa la paura di abitanti e turisti.

Alto Adige

Neve, tanta neve sta cadendo in queste ore in Altro Adige. Le autorità locali sono state costrette a chiudere una serie di strade. Attualmente sono rimaste isolate Trafoi, Val Martello da Ganda, Val Senales da Certosa, Val Ridanna da Stanghe e Val Casies da Tesido. Così come è rimasta bloccata la statale della Pusteria tra Versciaco e Prato alla Drava e l’Alemagna tra Dobbiaco e Cima Banche. In Val d’Ega interrotti i lavori di recupero di alberi abbattuti dal forte vento.

Salta l’elettricità

E’ saltata la corrente in molte zone della Val Pusteria: “Abbiamo richiamato in caserma tutti i vigili del fuoco che erano impegnati nel ripristino delle linee elettriche – spiega il sindaco di San Lorenzo di Sebato, Martin Ausserdorfer – perché gli alberi cascano di continuo e la situazione è troppo pericolosa”. Anche in Piemonte in molte zone manca l’energia elettrica: i tecnici E-Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce le reti di media e bassa tensione sono attualmente al lavoro. Tra le province cha hanno subito la vioenza del maltempo c’è Cuneo con 15 mila utenze senza luce. Disservizi anche nel Torinese e Verbano-Cusio-Ossola

Frane, alberi caduti e allagamenti

In più zone del nord e su tutto l’estremo ponente della Liguria. I vigili del fuoco di Imperia hanno ricevuto una fitta serie di chiamate di intervento. A Sanremo, è franata una strada con veicoli parcheggiati A Ventimiglia, per uno smottamento la strada è stata sommersa da fango e terra.
Interventi dei vigli del fuoco anche tra San Lorenzo al mare e Cipressa per dei massi sulla strada. A Triora franati alberi sula strada che porta in frazione Verdeggia, ostruendo il passaggio.

Tromba d’aria

Verso le 5 di oggi a Marina si è verificata una vera e proprio tromba d’aria con danni alle struttura alberghiere della zona e a stabilimenti balneari Nessuno è rimasto ferito. In particolare la tromba d’aria ha fatto volare via la copertura sulla strada del ristorante dell’albergo e del palazzetto dello sport. “Per questo motivo – spiega l’assessore ai lavori pubblici Angelo Caroccia – ai fini della sicurezza, finché durerà il forte vento, il tratto di viale Danubio di fronte al palazzetto rimarrà chiuso al traffico. Anche la linea Cotral subirà una leggera modifica nel suo percorso”.

A Venezia torna l’acqua alta

Chiusa Piazza San Marco così come il 70% del centro storico. A Venezia è di nuovo allerta La città vive uno strano silenzio: abitanti chiusi nelle ca se così come i turisti negli alberghi. L’acqua alta è arrivata a un picco di 154 centimetri (ore 11.26), prima di cominciare lentamente a calare. A Chioggia è a 147 centimetri. Poco dopo l’ora di pranzo l’acqua alta è scesa a 115 cm.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome