Il Pil resta debole, ma il 2020 inizia meglio. Imprese, 8 su 10 sono micro

Le parole del direttore del dipartimento di statistica dell'Istat, Roberto Monducci

Istat

MILANO – Il Pil italiano ha iniziato il 2020 con “un orientamento negativo anche se con intensità più contenuta rispetto ai mesi precedenti”. L’Istat, dopo la flessione dello 0,3% registrata nel quarto trimestre, vede un Prodotto interno lordo in leggero miglioramento, pur in un contesto che rischia di essere peggiorato dal coronavirus. Il direttore del dipartimento di statistica dell’Istat, Roberto Monducci, riconosce che i dati di fine 2019 “sono assolutamente negativi”, ma dovuti a “fattori temporanei” che “possono rientrare nel breve termine”. A margine della presentazione in Borsa Italiana, a Milano, del Censimento dell’istituto sulle imprese, Monducci rileva un quadro di “incertezza” per i rischi dal virus cinese, che potrebbe avere “effetti indiretti” sull’Italia, ma sottolinea anche la ripresa della fiducia di consumatori e imprese.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome