Appalti, le imprese a Gualtieri: “Con nuove norme si rischia il blocco”

E' necessaria "la soppressione" o almeno il rinvio delle nuove norme sulle ritenute sugli appalti che espondono al "rischio blocco attività per interi settori"

Foto Filippo Attili / Palazzo Chigi / LaPresse in foto il Ministro dell'economia e delle finanze, Roberto Gualtieri

MILANO – Appalti, le imprese a Gualtieri: “Con nuove norme si rischia il blocco”. E’ necessaria “la soppressione” o almeno il rinvio delle nuove norme sulle ritenute sugli appalti che espondono al “rischio blocco attività per interi settori”. Lo scrivono Abi, Ance, Assonime, Confindustria e Rete Imprese Italia (Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti) al ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. Le imprese per chiedono di cancellare le nuove regole in materia di ritenute negli appalti o, almeno, “di procrastinarne l’entrata in vigore al 1 luglio 2020, applicandole ai contratti stipulati dal 1 gennaio 2020, rivedendone i meccanismi di applicazione”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome