Parco di Capodimonte chiuso, Floridiana dimenticata: scontro De Magistris-governo

Foto Valerio Portelli/LaPresse Photo Valerio Portelli/LaPresse 11 March 2019 Rome, Italy Cabin of Regia Bagnoli-Coroglio at Palazzo Chigi Politics In the pic: Luigi de Magistris

NAPOLI – I parchi di Napoli restano chiusi, mentre in città riaprono spiagge, ristoranti, bar, negozi. I polmoni verdi del capoluogo, invece, restano inaccessibili. Così il sindaco Luigi De Magistris attacca a testa bassa: “La chiusura del Bosco di Capodimonte è un atto gravissimo. Un parco di 120 ettari, con spazi enormi, il più grande d’Italia. La mancanza di coraggio sta corrodendo il Paese. La chiusura del parco va contro le disposizioni a tutela della salute che auspicano l’aumento degli spazi pubblici in cui le persone si possono muovere. Chiedo al direttore Bellenger di riaprire immediatamente il Bosco di Capodimonte al fine di non procurare un danno alla salute per gli abitanti di Napoli”.

Poi il primo cittadino si rivolge direttamente al governo nazionale: “Caro Ministro Franceschini, ci avevi promesso diversi mesi fa la riapertura del Parco della Floridiana, purtroppo è ancora chiuso con grave nocumento per la salute dei napoletani. Oggi avete anche chiuso il Parco di Capodimonte, il più grande polmone verde della città. Il danno sanitario ed ambientale diventa ancora più drammatico in tempi di coronavirus. Per non parlare dei tagli al personale e della mancanza di risorse economiche che mettono in ginocchio tutti i servizi in città, verde compreso. Vanno aperti gli spazi pubblici. Liberiamo i luoghi, no alla chiusura delle aree che il popolo ha diritto di usufruire. La città è un bene comune”, ha concluso il sindaco.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome