Calabria, sequestrato il canile irregolare a Sant’Ilario dello Jonio

Il sequestro della struttura, e il deferimento di un imprenditore e di un dirigente dell’ASP di Reggio Calabria, sono il risultato di una complessa attività di Polizia Giudiziaria

MILANO – Al termine di una lunga attività di indagine condotta dai Carabinieri del Comando Stazione di Siderno coordinati dalla Procura della Repubblica di Locri, hanno disposto il sequestro di un canile, sito in Contrada Gabelle del Comune di Sant’Ilario dello Jonio (Calabria).

Il sequestro della struttura, e il deferimento di un imprenditore e di un dirigente dell’ASP di Reggio Calabria, sono il risultato di una complessa attività di Polizia Giudiziaria. Avviata a seguito della denuncia presentata da un’associazione a tutela dei diritti degli animali, nell’estate dello scorso anno.

Intuita la veridicità e la pericolosità di quanto affermato in sede di denuncia, i Carabinieri si sono subito adoperati ad informare la competente Procura della Repubblica di Locri. Che ha disposto l’avvio di una serie di accertamenti documentali. E di controlli con l’ausilio dei Carabinieri del Nas e Nil di Reggio Calabria, della Stazione Carabinieri Forestali di Brancaleone, di personale del Servizio Veterinario dell’ASP e della Task Force Veterinaria della Regione Calabria. Da cui sono emerse una serie di irregolarità di rilievo penale sia nello smaltimento dei rifiuti e delle acque reflue. Con gravi danni all’ambiente, sia per quanto concerne il maltrattamento degli animali ospitati nella struttura.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome