Coronavirus, da oggi riaprono palestre, impianti sportivi e piscine

Solo in Lombardia e in Basilicata riapriranno ad inizio giugno

ROMA – Da oggi riaprono palestre, impianti sportivi e piscine. Un altro passo verso la normalità, ma da rispettare ci sono ancora le regole anti-coronavirus. Le strutture dovranno disporre “una adeguata informazione sulle tutte le misure di prevenzione da adottare. Redigere un programma delle attività il più possibile pianificato (con prenotazione) e regolamentare gli accessi in modo da evitare condizioni di assembramento e aggregazioni; mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni”.

Solo in Lombardia e in Basilicata le palestre e le piscine riapriranno ad inizio giugno, così come comunicato dai governatori Fontana e Bardi.

Tra le tante accortezze che verranno messe in atto ci sono quelle della rilevazione della temperatura corporea, il distanziamento di sicurezza sia nelle sale che negli spogliatoi, dove “è necessario organizzare gli spazi in modo da assicurare le distanze di almeno 1 metro” regolamentando l’accesso per evitare sovraffollamento

Gli strumenti
Ogni impianto o struttura dovrà essere fornito di “dispenser con soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani dei frequentatori/clienti/ospiti in punti ben visibili, prevedendo l’obbligo dell’igiene delle mani all’ingresso e in uscita”. Massima igiene anche per attrezzature e macchinari: quelli che “non
possono essere disinfettati non devono essere usati”. Va garantita la “frequente pulizia e disinfezione dell’ambiente, di attrezzi e macchine anche più volte al giorno e tra un turno di accesso e l’altro, e comunque la disinfezione di spogliatoi, compresi gli armadietti a fine giornata”. Inoltre per quanto “riguarda il microclima è fondamentale verificare le caratteristiche di aerazione dei locali e degli impianti di ventilazione e la successiva messa in atto in condizioni di mantenimento di adeguati ricambi e qualità dell’aria indoor”.
Precauzioni

Evitare di lasciare in luoghi comuni “gli indumenti indossati per l’attività fisica, ma riporli in zaini o borse personali e, una volta rientrato a casa, lavarli separatamente dagli altri indumenti. Bere sempre da bicchieri monouso o bottiglie personalizzate. Gettare subito in appositi contenitori i fazzolettini di carta o altri materiali usati (ben sigillati)”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome