Ostia, agguato omicida al cognato di Spada: arrestati gli esecutori e il mandante

Il fatto di sangue si colloca nelle dinamiche di 'riposizionamento' dei gruppi malavitosi lidensi sullo 'scacchiere criminale' di Ostia

Carabinieri ad Ostia, nei luoghi del clan Spada (Foto LaPresse - Carlo Lannutti)

MILANO – I carabinieri del Nucleo investigativo del gruppo di Ostia, Roma, hanno identificato i componenti del ‘gruppo di fuoco’ che lo scorso 20 aprile gambizzarono Paolo Ascani, cognato di Roberto Spada, in via Antonio Forni. Dalle prime luci dell’alba i militari stanno notificando un’ordinanza che dispone la loro la custodia cautelare in carcere. Emessa dal gip del tribunale di Roma, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Roma, con l’accusa di tentato omicidio. Il fatto di sangue si colloca nelle dinamiche di ‘riposizionamento’ dei gruppi malavitosi lidensi sullo ‘scacchiere criminale’ di Ostia.

L’agguato del 20 aprile

Colpi di arma fuoco nel pomeriggio del 20 aprile a Ostia. All’ospedale ‘Grassi’ si è presentato un 51enne romano con una ferità da arma fuoco alla parte bassa di una gamba fra il polpaccio e la caviglia. A quanto si apprende si tratta del cognato di Roberto Spada, l’uomo che colpì al volto con una testata il giornalista Daniele Piervincenzi. Il ferito ha raccontato di esser stato colpito mentre passeggiava in via dei Forni.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome