Mulè: “Conte è premier da 2 anni, ma il programma del governo è una beffa”

“Qualcuno dovrà pur dire a Giuseppe Conte che è presidente del Consiglio da quasi due anni"

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse in foto Giorgio Mulè

ROMA – “Qualcuno dovrà pur dire a Giuseppe Conte che è presidente del Consiglio da quasi due anni. Qualcuno dovrà ricordargli che all’alba del 27 maggio 2020 dopo le fallimentari esperienze a Palazzo Chigi che si è intestato, suona come una beffa leggere un nuovo programma di governo. Non c’è da aspettarsi nulla, né di buono né di serio dal “manifesto” consegnato oggi ai giornali: il solito, ridondante, “vaste programme” che si è già scontrato con l’incapacità e la frammentarietà di una maggioranza indecisa a tutto tranne che a occupare le poltrone.

Ma è sul “punto G” che il presidente nella sua missiva ai giornali si supera laddove, ovviamente declinandolo al tempo futuro, sostiene che “introdurremo una seria riforma fiscale”. È quello che lui stesso neanche un mese fa aveva detto di non potere e non volere fare. Oggi scopre l’acqua calda, gli basterebbe avere il coraggio di prendere in mano il programma di Forza Italia e del centrodestra e applicarlo piuttosto che perder tempo cercando di imbonire gli italiani”. Così, in una nota, il deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, Giorgio Mulé.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome