Ue: “L’Usa non può cambiare formato del G7 per la Russia”

La Russia non dovrebbe essere autorizzata a unirsi al G7, come ventilato dal presidente americano Donald Trump, fino a quando "non cambierà rotta e le circostanze consentiranno di nuovo al G8 di avere una discussione significativa, e attualmente non è così"

(Olivier Hoslet, Pool Photo via AP)

BRUXELLES – La Russia non dovrebbe essere autorizzata a unirsi al G7, come ventilato dal presidente americano Donald Trump, fino a quando “non cambierà rotta e le circostanze consentiranno di nuovo al G8 di avere una discussione significativa, e attualmente non è così”. Lo ha detto l’Alto rappresentante della politica estera dell’Ue Josep Borrell, che ha rimarcato che spetta a Trump, in qualità di presidente del G7, “inviare inviti agli ospiti e gli inviti degli ospiti riflettono le priorità dell’ospite. Ma cambiare appartenenza o cambiare il formato su base permanente non è una prerogativa della presidenza del G7”. Borrelli ha affermato che i membri del G7 “siedono insieme perché condividono valori, interessi e impegni” e ha insistito sul fatto che, data la pandemia del coronavirus, “la cooperazione tra partner affini è cruciale ancora di più in tempi così difficili”.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome