Coronavirus, la Gran Bretagna è il secondo Paese al mondo con oltre 40mila morti

In una lettera aperta, oltre cento scienziati hanno esortato il governo britannico a rinviare l'ulteriore allentamento delle restrizioni

Una foto ai tempi del coronavirus (David Joles/Star Tribune via AP)

LONDRA – Il Regno Unito è diventato il secondo paese al mondo, dopo gli Stati Uniti, a registrare ufficialmente più di 40.000 decessi correlati al coronavirus. Secondo la Johns Hopkins University sono 40.344 i morti e 284.730 i contagi. In una lettera aperta, oltre cento scienziati hanno esortato il governo britannico a rinviare l’ulteriore allentamento delle restrizioni. “Nonostante un lockdown di due mesi, stiamo ancora avendo un numero inaccettabile di decessi giornalieri, ancora centinaia e circa 8.000 nuove infezioni al giorno solo in Inghilterra”, si legge nel documento.

(LaPresse/AP)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome