Razzismo, un altro afroamericano morto nelle mani della polizia: il video che scuote ancora gli Usa

Foto Alex Brandon /AP in foto Donald Trump

WASHINGTON – Ancora violenza, ancora un uomo che non riesce a respirare. Ancora la polizia che uccide. Un nuovo video che vede un afro-americano in ginocchio scuote gli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd. Nella notte di 3 marzo, oltre due mesi fa, la polizia di Tacoma, nello Stato di Washington, potrebbe aver causato la morte di Manuel Ellis, che nel video dice di non riuscire a respirare, in maniera simile a quanto accadde a Floyd, per il quale tutta l’America, e non solo, è scesa in piazza.

Il presidente Donald Trump è in grande difficoltà. Ieriha twittato una copia di una lettera di uno dei suoi avvocati, John Dowd, indirizzata all’ex segretario alla Difesa Jim Mattis, che ha criticato l’approccio del presidente nei confronti dei manifestanti davanti alla Casa Bianca, dispersi con la forza. “I manifestanti pacifici vicino al parco Lafayette non erano pacifici e non sono reali. Sono terroristi che usano studenti pieni di odio per bruciare e distruggere”. Parole dure che arrivano dall’entourage di un presidente che preferisce l’Aventino all’affrontare direttamente un problema tanto reale, quanto evidente.

Manuel Ellis😤🙏🏾✊🏽 was killed by Tacoma police. Lock them up🗣🔊

Gepostet von Rahzel Adams am Freitag, 5. Juni 2020

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome