Mafia, sequestro di 20 milioni di beni agli eredi di un imprenditore nel Catanese

Il provvedimento trae origine da indagini patrimoniali condotte dal Centro Operativo Dia di Catania

LaPresse - Matteo Corner

CATANIA – La Dia di Catania ha eseguito un decreto di sequestro emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Catania, su proposta del Direttore della Dia, Generale Giuseppe Governale, nei confronti degli eredi di Vincenzo Guglielmino, deceduto nel dicembre 2018, imprenditore già attivo nel settore della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

Il provvedimento trae origine da indagini patrimoniali condotte dal Centro Operativo Dia di Catania, finalizzate alla localizzazione di capitali illeciti. Che hanno permesso di accertare la sproporzione tra i redditi dichiarati e l’imponente patrimonio nella disponibilità del Guglielmino. Fittiziamente trasferito ai suoi familiari molto prima del suo decesso. Proprio per eludere la possibilità di applicazione delle misure di prevenzione a carico del succitato imprenditore.

Il valore del sequestro, che colpisce la E.F. Servizi Ecologici Srl e la G.V. Servizi Ambientali Srl, numerose quindi unità immobiliari, un opificio, terreni, autoveicoli, rapporti bancari e finanziari, è stato prudenzialmente stimato in 20 milioni di euro.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome