M5S, Crimi: “Preoccupato per le fuoriuscite, ma sulle restituzioni abbiamo regole ferree”

Le dichiarazioni del capo politico dei pentastellati

Foto Vincenzo Livieri / LaPresse in foto Vito Crimi

TORINO“Ovvio che sono preoccupato”, ma “non per il M5S, per il paese”. Così il capo politico del M5S Vito Crimi ad Agorà, su Rai3, a proposito della fuoriuscita di parlamentari verso la Lega. Per le restituzioni, ha aggiunto, “non c’è nessuno stop, lo dico chiaramente, abbiamo delle regole ferree”. “Le espulsioni sono state tante, la gran parte sono passate al Misto e hanno continuato a votare con la maggioranza”. Prosegue Crimi: “Chi oggi cambia casacca dovrebbe avere la decenza di dimettersi, non è una richiesta astrusa, è il minimo”, ha aggiunto. “Il M5S ha bisogno di un momento di confronto”, ma “il prossimo obiettivo sono le elezioni regionali, quindi sicuramente non prima”. “Credo che prima si debba fare un momento di confronto, poi chi si candiderà a capo politico saprà cosa fare” e “avrà un mandato ben preciso”, ha aggiunto.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome