Hong Kong, Wong: “Con la legge di sicurezza la città diventerà uno stato di polizia”

Così su Twitter l'attivista dopo l'approvazione da parte di Pechino della controversa legge

Joshua Wong (Photo by Anthony WALLACE / AFP)

MILANO – La legge sulla sicurezza nazionale varata dalla Cina “Segna la fine di Hong Kong che il mondo conosceva prima”, “Con ampi poteri e una legge mal definita, la città si trasformerà in uno stato di polizia”. Così su Twitter l’attivista Joshua Wong dopo l’approvazione da parte di Pechino della controversa legge.

“D’ora in poi, Hong Kong entra in una nuova era di regno del terrore, proprio come nel periodo del terrore bianco di Taiwan, con procedimenti arbitrari, prigioni nere, processi segreti, confessioni forzate, repressioni dei media e censura politica”, continua Wong. Gli oppositori “ora affrontano alte possibilità di essere estradati nei tribunali cinesi per processi e ergastoli”. Ma “continueremo a lottare per le nostre libertà e democrazia per le prossime generazioni della città. Quando la giustizia fallisce, la nostra lotta continua”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome