Molestie, annunciato un accordo con le vittime di Weinstein da 19 milioni di dollari

L'accordo è stato annunciato martedì dal procuratore generale di New York Letitia James e dall'avvocato di Chicago Elisabeth Fegan

Nella foto Harvey Weinstein

NEW YORK – Il procuratore generale di New York ha annunciato un accordo da 19 milioni di dollari per chiudere la denuncia presentata da un gruppo di donne vittime di molestie da parte dell’ex produttore cinematografico statunitense Harvey Weinstein. L’accordo è stato annunciato martedì dal procuratore generale di New York Letitia James e dall’avvocato di Chicago Elisabeth Fegan. Consente di avanzare richiesta da 7.500 a 750mila dollari.

A febbraio Weinstein condannato a 23 anni per violenza e stupro. Felice MeToo

Ventitré anni di prigione per stupro di terzo grado. È la condanna comminata ad Harvey Weinstein per stupro di terzo grado (rapporti sessuali con una persona non consenziente o con meno di 17 anni) e per aver commesso atti sessuali di primo grado. IL 24 febbrai scorso l’ex re di Hollywood era stato ritenuto colpevole di abusi su Miriam Hailey, ex assistente di produzione di ‘Project Runway’ e sull’aspirante attrice Jessica Mann. Sono due delle quasi cento donne che nel 2017 ruppero il silenzio accusando Weinstein di molestie e stupri dando vita al movimento ‘Me too’. Il 67enne è invece stato assolto dall’accusa di ‘predatore sessuale’, che gli sarebbe potuto costare l’ergastolo. Così, invece, Weinstein, rischiava fino a un massimo di 29 anni.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome