Calcio Lazio, Inzaghi: “Attacco da valutare, Ibra l’osservato speciale”

"Chi gioca in attacco? Dobbiamo ancora fare un allenamento domani mattina, per vedere le condizioni di Leiva e Cataldi se possono aiutarci. Hanno ancora qualche problemi, ma hanno grande voglia".

Foto Marco Rosi/LaPresse

ROMA – “Chi gioca in attacco? Dobbiamo ancora fare un allenamento domani mattina, per vedere le condizioni di Leiva e Cataldi se possono aiutarci. Hanno ancora qualche problemi, ma hanno grande voglia. Siamo abituati a vivere in emergenza, in questo periodo, ma qualsiasi modulo o uomo penso che la squadra potrà fare un’ottima gara”. Lo ha detto Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, parlando in conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Milan in campionato, parlando delle assenze dei due centravanti Immobile e Caicedo. “Domani vedremo se convocarli e poi decideremo. Non ci sarà sicuramente Marusic, che salterà anche il Lecce. Lazzari è un po’ affaticato ma penso possa essere della partita”, ha aggiunto. “Siamo rimasti pochi, ma sono fiducioso degli uomini che ho”, ha ribadito Inzaghi.

Il problema calendario

 Non è mancata una frecciatina sul calendario, che ha visto la Lazio. “Non è toccato a nessuno, in tre giorni abbiamo fatto due partite. Dopo Firenze siamo andati a Torino in grande emergenza ma abbiamo fatto un’ottima gara. I ragazzi hanno dimostrato carattere, umlta e spirito di sacrificio”, ha detto Inzaghi. “Sono orgolioso di essere il loro allenatore, stanno facendo una stagione grandissima. Mancano ancora 7 punti per la Champions, che è il nostro obiettivo: dopo la qualificazione matematica ragioneremo partita per partita”, ha detto il tecnico biancoceleste. Sul calendario più favorevole in vista dello scontro diretto con la Juve, Inzaghi ha detto: “Non lo so, ci sono tante variabili perchè non è facile giocare tante partite così ravvicinate. Sappiamo in Italia le insidie che nascondono tutte le gare”. Infine parlando del Milan, Inzaghi ha detto: “E’ una squadra ben organizzata, con ottimi calciatori e da affrontare nel migliore dei modi. Pioli lo conosco bene, è un ottimo allenatore e molto preparato. Un’ottima persona. Ibra è un top player, sicuramente sarà un osservato speciale”.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome