Coronavirus, l’Inghilterra riaprirà le frontiere a 60 Paesi compresa l’Italia

L'Inghilterra riapre i confini a circa 60 paesi, tra cui l'Italia. Dal 10 luglio i turisti provenienti dagli stati nell'elenco non dovranno auto-isolarsi mentre la quarantena rimane per i paesi a rischio

Police activity outside a block of flats on Muggleton Road in Amesbury, Wiltshire, where a major incident has been declared after it was suspected that two people might have been exposed to an unknown substance. PRESS ASSOCIATION Photo. Picture date: Wednesday July 4, 2018. Police say that the man and woman, both in their 40s, are in a critical condition at Salisbury District Hospital. See PA story POLICE Amesbury. Photo credit should read: Yui Mok/PA Wire

MILANO– L’Inghilterra riapre i confini a circa 60 paesi, tra cui l’Italia. Dal 10 luglio i turisti provenienti dagli stati nell’elenco non dovranno auto-isolarsi mentre la quarantena rimane per i paesi a rischio. Lo riporta il Guardian. Il governo del primo ministro britannico Boris Johnson non è riuscito a convincere le amministrazioni decentrate in Scozia, Galles e Irlanda del Nord a seguire immediatamente l’esempio.

L’elenco completo non è stato ancora pubblicato dal governo ma ad essere inclusi saranno con ogni probabilità Germania, Francia, Spagna, Italia, Nuova Zelanda, Vaticano e i territori d’oltremare della Gran Bretagna come le Isole Falkland e Gibilterra. “Oggi segna il prossimo passo per riaprire attentamente la nostra grande nazione”, ha detto il ministro dei Trasporti Grant Shapps.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome