F1, Austria: subito dominio Mercedes nelle libere, Ferrari rincorre

Foto Joe Klamar / Pool via AP

TORINO – Le prime libere del Gran Premio di Austria si aprono nel segno del duello Mercedes-Racing Point. Se il dominio del team campione in carica non è una novità, sorprende l’ottima prestazione di Sergio Perez e Lance Stroll, capaci di rientrare nella top 10 del venerdì del primo appuntamento della stagione, scattata con quattro mesi di ritardo causa emergenza Covid. Inizio in salita per le Ferrari e, proprio sul circuito di casa, le Red Bull. A mettere tutti in fila sul Red Bull Ring il solito Lewis Hamilton: già al comando dopo la sessione mattutina, il britannico sei volte iridato ha concesso il bis ottenendo il miglior tempo anche al pomeriggio: 1’04″304.

Hamilton ha preceduto di 197 millesimi il compagno di scuderia Valtteri Bottas (1’04″501), che ha confermato il secondo posto della prima sessione. Le Mercedes possono sorridere anche per il passo gara. Brillantissima terza, dopo il quinto tempo della mattina, la Racing Point – molto somigliante alla Mercedes 2019 – del messicano Perez (1’04″945), che si piazza davanti alla Rossa di Sebastian Vettel, in ritardo di 657 millesimi (1’04″961) con la gomma rossa. Il tedesco, che oggi compie 33 anni, aveva chiuso al mattino con il dodicesimo tempo e nella seconda parte di giornata è riuscito a dimezzare il ritardo da Hamilton.

Seguono Daniel Ricciardo su Renault, Lando Norris su McLaren, il già citato Stroll sull’altra Racing Point e Max Verstappen (Red Bull), trionfatore sulla pista austriaca nelle ultime due edizioni. Giornata difficile per Charles Leclerc: per il monegasco solo nono tempo sull’altra Ferrari, a 994 millesimi (1’05″298), una posizione in più rispetto alla prestazione del mattino. Chiude la top ten pomeridiana il prossimo ferrarista Carlos Sainz su McLaren. Tredicesimo Alexander Albon sull’altra Red Bull. Ovviamente un quadro più preciso sullo stato di forma delle squadre lo avremo dalle qualifiche in programma domani.

Nell’attesa, la prima polemica è servita. Oggetto della discussione, ancora una volta, il Das, il volante mobile che agisce sulla convergenza. “Siamo molto contenti di questa innovazione e del fatto che siano possibili in Formula 1. Noi siamo sicuri che sia legale, vediamo cosa dice la Federazione”: così Toto Wolff, direttore esecutivo Mercedes, sul sistema impiegato dalla scuderia nelle libere dopo l’utilizzo nei test a Barcellona. La Red Bull ha presentato un reclamo alla Fia. “La cosa importante per noi è avere chiarezza”, ha detto il team manager della squadra austroinglese Chris Horner. Il Mondiale è davvero iniziato. (LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome