Coronavirus, Zaia: “In Veneto 118 contagiati stranieri, si apre un grande tema”

"Avendo noi una percentuale bassissima dei contagiati, siamo passati da 135 focolai ai 22 di oggi, è inevitabile che va su l'indice R. Tra i contagiati, abbiamo 118 stranieri".

Foto Andrea Gilardi/LaPresse

MILANO – “Avendo noi una percentuale bassissima dei contagiati, siamo passati da 135 focolai ai 22 di oggi, è inevitabile che va su l’indice R. Tra i contagiati, abbiamo 118 stranieri. Ci portano da fuori il virus. Si apre un grande tema. Le quarantene dagli altri Stati le garantisce il governo, noi non ci occupiamo delle frontiere. Non siamo noi che dobbiamo chiedere a quel Paese o a quell’altro di fare le quarantene”. Lo ha detto in conferenza stampa il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia. “E’ fondamentale stabilire regole di reciprocità fra i Paesi”, ha sottolineato. “Tutto il ragionamento di ieri non c’entra con i tamponi. Non è una mancanza di tamponi, ma un’auto arrivata con contagiati arrivati dalla Serbia”, ha chiarito.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome