Usa 2020, il rapper Kanye West annuncia la candidatura alla Presidenza. Musk: “Ti appoggio”

In campo in vista delle presidenziali negli Stati Uniti è sceso anche il rapper Kanye West, che ha dato su Twitter l'annuncio di voler sfidare il repubblicano Donald Trump (di cui è stato aperto sostenitore) e il democratico Joe Biden.

TORINO – In campo in vista delle presidenziali negli Stati Uniti è sceso anche il rapper Kanye West, che ha dato su Twitter l’annuncio di voler sfidare il repubblicano Donald Trump (di cui è stato aperto sostenitore) e il democratico Joe Biden. “Adesso dobbiamo concretizzare la promessa dell’America credendo in Dio, unificando la nostra visione e costruendo il nostro futuro. Mi candiderò come presidente degli Stati Uniti”, ha scritto sul social network, aggiungendo l’immagine di una bandiera nazionale e l’hashtag #2020vision. La moglie, Kim Kardashian, ha risposto al tweet con una bandierina Usa. Non è chiaro, intanto, se il messaggio lanciato dal rapper sia serio, nè se veramente abbia presentato qualche documento relativo alla candidatura. Immediato, tuttavia, l’endorsement di Elon Musk, ceo di Tesla, che sempre twittando ha commentato: “Hai tutto il mio sostegno!”.  Come ricordano i media statunitensi, il rapper già in passato aveva lanciato l’idea di candidarsi alla Casa Bianca. Nel gennaio del 2019, ad esempio, in un tweet aveva scritto soltanto “2024”, lasciando intendere che quello sarebbe stato l’anno in cui avrebbe avuto intenzione di presentarsi alle presidenziali. Se davvero West scendesse in campo per questa consultazione, rientrerebbe in una lunga tradizione di sfidanti indipendenti o terzi che sfidano le roccaforti democratica e repubblicana. Tra loro, nel 1992, ci fu Ross Perot, miliardario texano che ottenne il 19% dei voti; nel 2000, Ralph Nader del partito Verde ottenne solo il 3% ma fu sufficiente a costare la presidenza al democratico Al Gore.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome