Fisco, Mef: “Entrate da accertamento e controllo al -10,7% in primi 5 mesi”

Le entrate tributarie erariali derivanti da attività di accertamento e controllo si sono attestate a 3,577 miliardi (- 427 milioni di euro, pari a -10,7%) di cui: 1,623 miliardi di euro (-250 milioni di euro, pari a -13,4%) sono affluiti dalle imposte dirette e 1,954 miliardi di euro (-177 milioni di euro, pari a -8,3%) dalle imposte indirette.

Foto: Cecilia Fabiano - LaPresse

MILANO – Le entrate tributarie erariali derivanti da attività di accertamento e controllo si sono attestate a 3,577 miliardi (- 427 milioni di euro, pari a -10,7%) di cui: 1,623 miliardi di euro (-250 milioni di euro, pari a -13,4%) sono affluiti dalle imposte dirette e 1,954 miliardi di euro (-177 milioni di euro, pari a -8,3%) dalle imposte indirette. I dati risultano influenzati dal decreto ‘Cura Italia’ che aveva già sospeso i termini di versamento delle entrate tributarie e extratributarie derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione nel periodo dall’8 marzo al 31 maggio 2020, ulteriormente prorogati dal Decreto Rilancio fino al 31 agosto.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome