Inchiesta sul clan Senese, arrestato il fratello della senatrice dem Monica Cirinnà

Il germano della dem avrebbe prestato somme di denaro a soggetti che a loro volta erano vittime di usura da parte della cosca

Foto Iacopo Giannini/LaPresse

ROMA – Operazione anti camorra oggi a Roma contro il clan dei Senese. Tra gli arrestati c’è anche il 54enne Claudio Cirinnà, fratello di Monica, senatrice del Partito Democratico (totalmente estranea ai fatti).

L’uomo è stato coinvolto nell’inchiesta su un presunto traffico illecito di carburante . La Procura ha contestato a Cirinnà i reati di usura, estorsione, antiriciclaggio e intestazione fittizia di beni.

Secondo gli inquirenti l’arresto non è direttamente collegabile con il clan Senese, ma il fratello della Dem prestava somme di denaro a soggetti che a loro volta erano vittime di usura da parte del clan. Nell’operazione è coinvolto anche il figlio di Cirinnà , Claudio di 26 anni, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari.

La senatrice, tramite un post su facebook ha commentato così la notizia: “Apprendo con amarezza e dolore da notizie di agenzia che mio fratello sarebbe coinvolto in un’inchiesta giudiziaria. So pochissimo della sua vita travagliata, benché abbia sempre cercato di aiutarlo a mettere sulla giusta via la propria esistenza. Il fatto che avesse accolto in casa nostro padre novantenne mi aveva fatto sperare in un ravvedimento. Se così non fosse ne sarei addolorata e profondamente delusa. Mi auguro che la sua posizione venga chiarita al più presto. Per quanto mi riguarda considero la responsabilità penale personale, così come personale è il dolore che provo in questo momento. Chiedo pertanto che venga rispettato assieme all’intimità della mia famiglia”.

UC

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome