Coronavirus, Bankitalia: reddito italiano in crisi. Un terzo delle famiglie rinuncia alla vacanza

Il post-lockdown sta mostrando tutti i suoi effetti sulle famiglie. Un terzo di esse dichiara di avere a disposizione riserve per 3 mesi, mentre il 40% è in grossa difficoltà dovendo far fronte al pagamento del mutuo”. Il risultato è emerso dall'indagine straordinaria della Banca d’Italia sulle famiglie italiane condotta fra i mesi di aprile e maggio

This Monday, May 11, 2020 photo keys stacked in a drawer of the Rimini Grand Hotel, in Rimini, Italy. The luxury Liberty-style hotel, where carnivalesque Italian director Federico Fellini used to stay, was built in 1908. Parts of the hotel were recreated in Rome's Cinecittà film studios for some of his movies including 'Amarcord' (1973). (AP Photo/Domenico Stinellis)

ROMA – Reddito familiare italiano in crisi per il lockdown . Lo afferma l’indagine straordinaria della Banca d’Italia sulle famiglie italiane condotta fra i mesi di aprile e maggio. “Un terzo delle famiglie ha riserve per soli 3 mesi, mentre il 40% delle famiglie in difficoltà con il mutuo da pagare.

Grossa sofferenza

La “quota supera il 50 per cento per i disoccupati e per i lavoratori dipendenti con contratto a termine. Poco meno di un quinto dei lavoratori indipendenti e dei lavoratori dipendenti con contratto a termine si trova in questa condizione e contemporaneamente ha subito una riduzione di oltre il 50 per cento del reddito familiare nei primi due mesi della emergenza sanitaria”. Inoltre dall’indagine si evince che “il 40 per cento degli individui indebitati dichiara di avere difficoltà nel sostenere le rate del mutuo a causa della crisi; la quota è più elevata nel Centro e nel Mezzogiorno”.

Moratoria mutui

“Solo un terzo di chi è in difficoltà con il pagamento delle rate del mutuo ha fatto ricorso o intende far ricorso alla moratoria mutui. Fra coloro che hanno un finanziamento per credito al consumo la percentuale di individui in difficoltà con il pagamento della rata è del 34 per cento”.

Niente vacanze

La pandemia ha tagliato le gambe alle vacanze degli italiani: quasi un terzo delle famiglie deve rinunciare al periodo al mare, in montagna o in città d’arte. “Il 30% cento della popolazione dichiara di non potersi permettere di andare in vacanza la prossima estate e quasi il 60 per cento ritiene che anche quando l’epidemia sarà terminata le proprie spese per viaggi, vacanze, ristoranti, cinema e teatri saranno comunque inferiori a quelle pre-crisi”.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome