Autostrade, Cicchitto: “Le concessioni sono state svendute ai privati”

Le parole del presidente Riformismo e Libertà

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse in foto Fabrizio Cicchitto

ROMA – “Su una cosa i grillini hanno molte ragioni ed è la critica al sistema delle concessioni autostradali nel quale ASPI di Benetton è ingrassata facendo però un sacco di pasticci fra cui quel disastro che è stato il crollo del ponte di Genova”. Lo dichiara Fabrizio Cicchitto (Presidente Riformismo e Libertà) al quotidiano Il Tempo. “Il tema, a onor del vero, non riguarda i soli Benetton, che però ne sono stati i principali utilizzatori, per Comportamenti errati. I titolari della rete autostradale hanno fatto praticamente quello che volevano su tariffe, collaudi e manutenzione. Non suscitare equivoci, non usiamo l’espressione ‘utilizzatori finali’.

“Diciamoci un’amara verità: nel quadro dell’operazione privatizzazioni iniziata bene, proseguita male e finita malissimo (nel senso che il settore della pubblica economia è stato letteralmente depredato da ‘capitani coraggiosi’ di vario tipo), le concessioni autostradali sono state letteralmente svendute ai privati. E’ stato creato un sistema nel quale i concessionari hanno goduto di profitti ineguagliabili da nessuna azienda manifatturiera normale. Potendo gestire l’aumento delle tariffe con pochi vincoli; le facoltà di controllo del ministero dei Trasporti sono state letteralmente azzerate e certamente non ripristinate dai ministri grillini”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome