Mafia, perquisizioni della Guardia di Finanza nel territorio dei Nebrodi: 14 indagati

Hanno già ricevuto misure restrittive

Foto LaPresse - Marco Cantile

ROMA – Circa 50 militari delle Fiamme Gialle di Enna e della Tenenza di Nicosia, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta, con l’ausilio delle unità cinofile di Catania, hanno dato esecuzione a circa 10 provvedimenti di perquisizione in diversi Comuni delle Province di Enna, Messina e Catania. Tra i soggetti destinatari dei provvedimenti figurano elementi di spicco della criminalità organizzata di stampo mafioso operante nel territorio dei Nebrodi. Coinvolti a vario titolo per i reati di turbata libertà degli incanti e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Commessi con l’aggravante del metodo mafioso.

Alcuni dei 14 soggetti, oggi coinvolti nell’operazione “New Park”, erano già stati destinatari in passato di misure restrittive e custodia cautelare per fatti analoghi. E 5 di loro erano stati indagati per l’attentato mafioso del 2016, contro l’allora presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, sventato dal Vice Questore Manganaro e dagli uomini della Polizia di Stato, Poliziotti recentemente promossi per Merito Straordinario e Medaglia al Valore. Il procedimento è stato archiviato ma, dalle parole del Procuratore, le indagini continuano per assicurare alla giustizia i mafiosi che quella notte compirono l’attentato.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome