Mes, Berlusconi: “L’Italia Paese Ue per cui è più conveniente”

Le parole del leader di Forza Italia

Foto Roberto Monaldo / LaPresse Nella foto Silvio Berlusconi

ROMA – “Non sta a me convincere il presidente Conte, con il quale del resto non ho altri rapporti se non quelli di cortesia istituzionale che normalmente intercorrono fra il Presidente del Consiglio e il Leader di una forza di opposizione” esordisce Silvio Berlusconi. “Dovrebbe essere piuttosto la forza dei fatti, della logica, a convincerlo. Qualcuno pensa davvero che la nostra sanità, soprattutto al sud, potrebbe fare a meno dell’aiuto del MES per aprire e riqualificare strutture sanitarie o per investire nella ricerca e nella formazione del personale? Possiamo negare a sistemi sanitari fragili come quello della Campania 2.725 milioni o a quello della Puglia 2.450 milioni? E’ questo il prezzo della rinuncia al MES. Con il MES risparmieremmo in interessi passivi ogni anno nove volte quello che otterremmo con il taglio dei parlamentari.

L’Italia è di gran lunga il Paese europeo per il quale il MES è più conveniente. Dire di no sarebbe un’assurdità dal punto di vista economico, ma anche uno schiaffo politico all’Europa che darebbe ai sovranisti dei paesi del Nord il pretesto per rifiutare altri aiuti all’Italia, visto che spregiamo quelli che ci vengono offerti. Forse è proprio quello che vogliono alcuni avversari del MES, come i Cinque Stelle: anche per questo ogni collaborazione con loro è davvero impossibile”. Così Silvio Berlusconi intervistato da Milano Finanza.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome