Autostrade, Conte: “L’ultima proposta dell’Aspi insoddisfacente e imbarazzante”

L'intervento del premier italiano

Giuseppe Conte (LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili)

MILANO – “Le varie proposte transattive fatte pervenire da Aspi non sono soddisfacenti. Lo Stato ha il dovere di valutarle per lo scrupolo di tutelare l’interesse pubblico nel migliore dei modi possibili. Ma adesso dobbiamo chiudere il dossier ed evitare il protrarsi di ulteriori incertezze”. Così il premier Giuseppe Conte intervistato dal Fatto Quotidiano. L’ultima proposta non è migliorativa per lo Stato, ha detto il presidente del Consiglio.

“Proprio al fine di completare il procedimento, il 9 luglio si è svolta una riunione tecnica con il concessionario Aspi: lì i tecnici del governo hanno esposto i contenuti minimi e assolutamente inderogabili che devono caratterizzare la proposta transattiva perché possa essere portata e discussa in Consiglio dei ministri. E sabato è arrivata una risposta ampiamente insoddisfacente, per non dire imbarazzante: tutto meno che un’accettazione piena e incondizionata delle richieste del governo”, ha aggiunto il premier.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome